Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

La lavagna - Modenesità

Pòra ed sbalèr - Paura di morire

GROG
Scritto il 19/12/2010
da GROG
E anch stanot
l'è gnuda.
Porca paletta,
an's pol menga
esér acsè sfighè.
A'i era in dal let
e a un cert mumeint
a'i ho tachè a termér
par al frádd,
mo menga al frádd dla fêvra,
am sun sèintû gnir sò
al frádd da deintèr
e a'i ho sèintû al cheld abandounerem
cum s'la vètta a's föss aluntanèda,
gh'aiva frádd dapertot
in di oss
in dal sanghev
in dla testa
e a'i ho avû pòra ed sbalèr...
Mo no, am sun dèt.
Mo no, menga adésa.
Menga acsè...
Dio, mo' csa fèt?
Al stupid?
Me a vliv stèr chè
am piès stèr chè,
sovra la téra
viv e vegèt....
Mo gnint,
lò an'm dîs gnint
e me a'i ho seimper piò frádd.
Acsè am sun desdè
ma cun i oc spalanchè
a l'orba, al buio pesto,
parchè a'i ho pòra ed sbalèr.

Po' apog ?na man
sòvra me muiêra
ch'l'è chelda...
dimondi
e le a's desda.
Vacca sti frádd...
Stèt mèl?
E me a degh
A'i ho un atach,
cribbio.
Le a's leva
e va a tór ?na querta,
acsè quacè a môd
e dop un Tavor
e dü Rytmonorm
a stagh lè boun,
bounein,
ma cun i oc avert
a slumèr al sufétt
cun la lûs impieda,
acsè a stagh in campana
parchè a'i ho pòra ed sbalèr.
Al cor al fa ancoura al coioun
sbalutè ch'l'è un piasér,
par môd ed dir,
al và in prèsia
o adesi,
un po' al trot
un po' al galop
cun o seinza fermèdi,
incostant,
al me corp al per ?na bèrchetta
in mez a ?na tempesta
e al sanghev in dal veini
al sbàt ed chè e'd là...

Cazz...
Stanot a'i ho vest
la mort in ghégna,
ma a gh'ho arfilët
un gros chèlz in dal cul...
Sperom ch'la staga luntàn
par un bel po', adèsa!
Parchè a'i ho pòra ed sbalèr.

_________________________________________________


E anche stanotte
è venuta.
Porca paletta,
...non si può
essere così sfigati.
Ero a letto
e a un certo momento
ho cominciato a tremare
per il freddo,
ma micca un freddo da febbre,
mi sono sentito venire su
il freddo da dentro
e ho sentito che il caldo mi abbandonava
come se la vita si fosse allontanata,
avevo freddo dappertutto
nelle ossa
nel sangue
nella testa
e ho avuto paura di morire...
Ma no, mi sono detto.
Ma no, non adesso.
Non così...
Dio, ma cosa fai?
Lo stupido?
Io vorrei restare qui
mi piace stare qui,
sulla terra
vivo e vegeto...
Ma niente,
lui non mi dice niente
e io ho sempre più freddo.
Così mi sono svegliato
ma con gli occhi spalancati
alla cieca, nel buio pesto,
perchè ho paura di morire.

Poi appoggio una mano
sopra mia moglie
che è calda...
moltissimo
e lei si sveglia.
Boia se sei freddo...
Stai male?
E io le dico
Ho un attacco,
cribbio.
Lei si alza
e va a prendere una coperta,
così coperto bene a modo
e dopo un Tavor
e due Rytmonorm
stò lì buono,
buonino,
ma con gli occhi aperti
a guardare il soffitto
con la luce accesa,
così stò all'erta
perchè ho paura di morire.
Il cuore fa ancora il coglione
sballotato che è un piacere,
per modo di dire,
va veloce
o lento,
un po' al trotto
un po' al galoppo
con o senza fermate,
incostante,
il mio corpo sembra una barchetta
in mezzo a una tempesta
e il sangue nelle vene
sbatte di qua e di là...

Cazzo...
Stanotte ho visto
la morte in faccia,
ma le ho rifilato
un Grosso calcio nel culo...
Speriamo stia alla larga
per un bel po', adesso!
Perchè ho paura di morire.

permalink a questo commento

[amorperdona]
20/12/2010
GROG complimenti per questo tuo scritto, tutto in dialetto "mudnéis"... è abbastanza diverso dal nostro "muntanér" ma comprensibilissimo. E complimenti anche per la simpatica maniera di sdramatizzare eventi non proprio... "simpatici"...!
permalink a questo commento

[GROG]
20/12/2010
Grazie amorperdona, quello che però nessuno sa è che la poesiola la scrivo prima in dialetto e poi la traduco.
permalink a questo commento

[amorperdona]
20/12/2010
anche a me viene di fare così.... certe espressioni scritte in italiano e tradotte in dialetto non "rendono".... il dialetto vuole scritto pari pari e poi, dopo, magari tradotto per i non capenti, anche se penso che tutti abbiano compreso l'originale.... CIAO.!
permalink a questo commento

[pappapappa]
21/12/2010
Realismo, concretezza e tante emozioni tangibili.
Chi ha provato, anche poco poco, queste sensazioni che tu descrivi così bene, riesce a vivere ancora più in profondità le tante emozioni che suscita. Grazie.