Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

La lavagna - Modenesità

NON HO VINTO

GROG
Scritto il 09/09/2010
da GROG
Ho partecipato ad un concorso poetico dialettale che si è concluso ieri sera con la premiazione durante la Sagra di San Nicola a Castelfranco Emilia (la sagra del tortellino per intenderci), era ovvio che infilzandomi tra i Gotha della poesia modenese non potevo certo sperare di farla franca e di vincere la forma di parmigiano che c'era in palio, me è stato bello lo stesso, bello soprattutto scoprire l'entusiasmo che pervade certi vecchietti, che continuano a parlare e scrivere nella nostra antica lingua, il modenese, portandola avanti nel tempo a dispetto dell'indifferenza della maggior parte dei giovani.

Quarantadue partecipanti con oltre settanta componimenti, tutti tassativamente in dialetto modenese e riservato a "ai soli Autori nati e/o residenti nella provincia di Modena".

A me il bando era giunto i primi di Giugno, e allora mi sono messo sotto e in un weekend ho coniato tre poesie. L'unica consolazione, ma per me ugualmente soddisfacente e importante, l'attestato di partecipazione, quel foglietto che mi permetterà di dire, quando sarò vecchio, "Qui c'ero anch'io!".

Le poesie dovevavno essere tassativamente inedite, per cui adesso ve le dono volentieri, con relativa traduzione.

Bàza

Dòp di an
a sun turnè indrée,
a la mê ca,
a la mê zitèe,
a la mê gèint,
a la mê Módna.
E adèsa a sún chè
a nès a l'aria
a guarder ?na ca.
A próv a sunèr,
ma nisùn al dis gnint,
al portoun a's'vera
cun un gross scròch.
A vagh deìnter in d'l'androun,
l'è cumpagn a 'na volta,
cun l'istàss udór, d'antigh,
ma là, in d'la trömba dal schèli,
nóv nóv e modéren, l'ascensore.
Invece a vagh so' a pé
cum quand a'i'era un ragazätt,
fin al quèrt piàn,
ma in zèmma a'm vìn l'afàn.
?na porta l'è avèrta,
me a cgnöss la streda e a vagh in ca.
Deìnter, in dal salótt,
a ghè ?na figura,
un ámm, cumpagn a mè,
in 'na scrana,
?na scrana cun al ródi…
L'è lè ch'a'm guerda e al tës,
un òcc' srè e la bäcca ed travêrs.
A'm mett a séder in ?na pultróna
e a'le guerd, incurióusï.
Dö guardèdi icrusèdi,
me a léz in d'la só testa
e lò al léz in d'la mia.
Nisùn dis gnint,
dü minut e cum d'incant
tacam a fer dal ridudi
e me a vädd nuèter zôven,
po' tacam a zigher
e me a vädd cum a sam d'vintèe:
dü vèc…
…ma lò l'è stè più sfighè che me!
A'm lèv e a'l le bràz
parchè a'c sam arcatè.

I zogh souncamè i durèn poch,
ma ?n'amigh l'è per tutta la vétta….


Fortuna

Dopo degli anni
sono tornato indietro,
a casa mia,
nella mia città,
dai miei concittadini,
nella mia Modena.
E adesso sono qua
col naso all'insù
che guardo una casa.
Provo a suonare,
ma nessuno dice niente,
il portone si apre
con un Grosso scrocco.
Entro nell'androne,
è come una volta,
con lo stesso odore, di vecchio,
ma là, nella tromba delle scale,
nuovo nuovo e moderno, l'ascensore.
Invece vado su a piedi
come quando ero un ragazzino,
fino al quarto piano,
ma in cima ho l'affanno,
Una porta è aperta,
ma conosco la strada e vado in casa.
Dentro, in salotto,
c'è una figura,
un uomo, come me,
in una sedia,
una sedia con le ruote...
? lì che mi guarda e tace,
un occhio chiuso e la bocca di traverso.
Mi metto a sedere in una poltrona
e lo guardo, incuriosito.
Due sguardi incrociati,
io leggo nella sua testa
e lui legge nella mia.
Nessuno dice niente,
due minuti e come d'incanto
cominciamo a ridere
e io ci rivedo giovani,
poi cominciamo a piangere
e io vedo come siamo diventati:
due vecchi...
...ma lui è stato più sfortunato di me!
Mi alzo e lo abbraccio
Perchè ci siamo ritrovati.

I giochi sicuramente durano poco,
ma un amico è per tutta la vita...

---------------------------------------------


?MALER?S ED V?TTA

Ah, l'è ?na ciavèda da bòun
?malères ed “vétta”,
ca' n'è menga un d'chi mèl
cun al nam impronunciabil,
ma l'è cum eser malè
ed gnint e ?d tótt.

T'a-n pö piò fer un pàss
ch't'è bèle stóff,
se a-gh'è ?n póc piò ed chèld
al cór a'l fa al caioun,
la testa la táca a girer
e te ta'n't pö piò alver só.

Se po' et vè a fèret vèder,
al dutor al táca a sbraièr:
“Ma cosa ha mangiato?
Cos'ha bevuto?
Dov'è stato?
Cos'ha combinato?”

E zò pilulèini, gàzzi, suposti
e esam... dal sanghev e d'la pèssa,
esam per tótt e per incòsa,
d'la testa a'i pè,
per squacèr po' cosa?
Gnint, ch't'è san!

I disèn ghe't' avü un malurèin,
un mumèint ed sbandamèint...
Per al cheld?
Per un sforz?
Per n'incazadura ?
E alora? Cs'ammia da fèr?

?na dieta!
An s'pol piò bàvver gnànch un póc ed vèin,
an s'pol piò magnèr dal pòrc,
an s'pol piò divertirès co'i amigh,
an s'pol piò fumèr,
agh manca sól ch'a'n s'possa piò frulèr…

Acsè a'n s'pol campér,
al dutor a't sèra in ca,
ai domiciliari,
la mujera l'è pêz d'la Gestapo,
acsè a samm controlè
piò di delinquieint…

Oh, la n'è ménga vévver, quást,
l'è ?na tortura,?na maledizióun,
nuetèr dvamm paghèr al dàzi,
mo' al dàzi per còsa?
Parchè prémma,
?i an adrê...

...a's samm propria godüda la vétta!!!!



AMMALARSI DI VITA

E' proprio una fregatura
ammalarsi di “vita”,
che non è uno di quei mali
con il nome impronunciabile,
ma è come essere ammalati
di niente e di tutto.

Non puoi più fare un passo
che sei già stanco,
se c'è un po' più di caldo
il cuore fa il coglione,
la testa comincia a girare
e non riesci più ad alzarti.

Se poi vai a farti vedere,
Il dottore comincia ad urlare:
“Ma cosa ha mangiato?
Cos'ha bevuto?
Dov'è stato?
Cos'ha combinato?”

E dai con pilloline, gocce, supposte
E esami... del sangue e delle urine,
esami per qualsiasi cosa,
dalla testa ai piedi,
per scoprire poi cosa?
Niente, che sei sano.

Dicono che hai avuto un malorino,
un momento di sbandamento...
Per il caldo?
Per uno sforzo?
Per un'arrabbiatura?
E allora? Cosa dobbiamo fare?

Una dieta!
Non si può più bere un po' di vino,
non si può più mangiare del maiale,
non ci si può più divertire con gli amici,
non si può più fumare,
ci manca solo che non si possa più far l'amore...

Così non si può campare,
il dottore ti chiude in casa,
ai domiciliari,
la moglie è peggio della Gestapo,
così siamo controllati
più che dei delinquenti...

Oh, non è micca vivere, questo,
è una tortura, una maledizione,
dobbiamo pagare il dazio,
ma il dazio per che cosa?
Perchè prima,
gli anni addietro...

...ci siamo proprio goduti la vita!!!

---------------------------------------------

Nino

St'an chè a voj fer anca me
al cuncors ed poesî in dialátt,
sol che me a'n scrévv menga in vérs,
me a cumpón in prosa, parchè a'm pies acsè.
Po', al dialàtt, a'l sò scrévver poch,
parlèr'l acsè acsè e lèzer'l cum al vîn.

A'i ho scrètt, secand me, tri beli poesî,
in tri dè, cun al côr,
gióst gióst per al cuncors
“La Gratusa d'or” ed Castèl,
a'n voj menga vìnzer,
l'è ?na sfida tra mè e mè.

A fagh ?sta matàna
per an desminghèrem
dal me pòver nunèin,
Nino per i amigh,
cl'era un gran cgnusidor
ed dialàtt mudnès.

Scriviva e sistemèva
comedi in dialàtt.
Parlerel l'è facil
e intánder'l anch,
ma metter negher so bianc
l'è dimóndi brigós.

E Nino savîva cum scrévver
tótt i segn, paroli,
accent srë, avert, circumfles,
dü pünt, apostrof.....
formi ed articol,
nàm, agetiv e pronàm...

vereb reguler e ausilier,
decliner'l indicativ,
imperativ, condizionel,
congiuntiv, infini,
participi e gerundi...
cgnusciva tótt i traplèin,

troncameint d'paroli,
scambi ed vocheli e consonant,
omisioun d'letter in mez,
diminutiv, vezegiativ,
dispregiativ, acrescitiv,
pegiorativ.....

Al dialàtt ed Módna
l'era anch un po' lò,
?na vétta dünèda,
per quèsi nuvànt'an,
a la só zitè,
in tótt e per tótt.

E me a'l voj arcurdér acsè,
cun c'la só vôs sutíleina
e cun c'al témber nostràn
descarrer in mudnés
cun al só anvôd giniél,
ch'a'l sarev po' me....



Nino

Quest'anno voglio fare anch'io
il concorso di poesia in dialetto,
però io non lo scrivo in versi,
io compongo in prosa, perchè mi piace così.
Poi, il dialetto, lo so scrivere poco,
parlarlo così così e leggerlo come viene.

Ho scritto, secondo me, tre belle poesie,
in tre giorni, col cuore,
proprio per il concorso
“La Grataggia d'oro” di Castefranco,
non voglio vincere,
è una sfida tra me e me.

Faccio questa mattana
per non scordarmi
del mio overo nonnetto,
Nino, per gli amici,
che era un grande conoscitore
di dialetto modenese.

Scriveva e correggeva
commedie in dialetto.
Parlarlo è facile
e capirlo pure,
ma mettere nero su bianco
è piuttosto complicato.

E Nino sapeva come scrivere
Tutti i segni, parole,
accenti chiusi, aperti, circonflessi,
due punti, apostrofi...
forme e articoli,
nomi, aggettivi e pronomi...

verbi regolari e ausiliari,
declinarli indicativo,
imperativo, condizionale,
congiuntivo, infinito,
participio e gerundio...
conosceva tutti i trucchi,

trocamento di parole,
scambi e vocali e consonanti,
omissione di lettere in mezzo,
diminutivo, vezzeggiativo,
dispregiativo, accrescitivo,
peggiorativo...

Il dialetto di Modena
era una parte di lui,
una vita donata,
per quasi novant'anni,
alla sua città,
in tutto e per tutto.

E io lo voglio ricordare così,
con quella sua voce sottilina
e con quel timbro nostrano
parlare in mdenese
con il suo nipote preferito,
che sarei poi io...


permalink a questo commento

[Betty1]
12/09/2012
Bravo! A me sono piaciute.
permalink a questo commento

[GROG]
12/09/2012
L'anno dopo ad un altro corcorso ho vinto il premio speciale della giuria, che soddisfazione, con altre tre poesie..... e continuo a scriverne....
permalink a questo commento

[testapelata]
12/09/2012
ajò lesu la prema em sun comos , adesa fra un po' les anca cagl'ieter ... fra un po' !!!!
cumplimeint emoticon
permalink a questo commento

[GROG]
12/09/2012
Queste tre sono già state pubblicate, purtroppo il libro è fuori catalogo, ma conto entro un anno di uscire con la terza edizione con la storia di ogni singola poesia o con un dvd dove le leggerò tutte sia in italiano che in dialetto con sottofondo musicale, e credo che ci metterò anche i racconti di quell'edizione.... Groggologia ovviamente. Le altre nelle prossime pubblicazioni...