.
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

Via Giaretta, Canossa, RE
Valutazione:
Imperdibile!!!
Prezzo a persona:
20.00 €
Servizio utilizzato:
ristorante
Contesto:
 
cena in famiglia
Commenti:
(2) vai ai commenti

testapelata

ha visitato il locale il 30/07/2015 testapelata avatar
485 Recensioni scritte dal 12/09/2010 4302 Punti

Partiamo descrivendo una location da favola: immerso nel verde, sulle sponde del fiume Enza, un vecchio mulino del secolo scorso ristrutturato e mantenuto nei suoi aspetti più caratteristici, ampi locali situati a piano terra, dotati di grandi vetrate ed un esteso spazio estivo.

Decidiamo di stare all’interno, la serata volge al fresco e si sente “profumo di guazza”.

I tavoli sono apparecchiati alla perfezione, tovagliato di stoffa, doppio bicchiere, doppie posate, sottopiatti in vetro, ambiente elegante e rustico allo stesso tempo.

Da bere un paio di bottiglie d’ acqua, mossa e ferma e, da uve  Salamino, Grasparossa, Marani e Malbo Gentile,

un  Lambruscone della Cantina Casali che, servito fresco, si abbinerà in maniera perfetta ai piatti proposti.

Siamo qui per la rassegna “dal tortello alla torta” in quanto il menù è piuttosto accattivante.

Partiamo con un piatto di antipasti che comprende,

gelato di Parmigiano-Reggiano con fragole e crackers al papavero e qualche goccia di aceto balsamico, veramente originale e gustoso, quasi da “fine pasto”;

prosciutto di parma ”24 mesi”  un paio di fette di una qualità eccezionale;

Sformatino di carote con salsa di rucola, servito tiepido, con una salsina che ricorda la “salsa verde” tradizionale, veramente azzeccato e di impatto.

Si prosegue con un poker di tortelli serviti in un unico piatto di portata, le dosi sono scarse (12 tortelli a testa), ma la qualità e l’originalità non si discute:

di erbette e spinaci : pasta verde, ripieno delicato, a mio avviso sono di altissima qualità;

di zucca : pasta arancio, con l’aggiunta di amaretto raggiungono una dolcezza ben diversa dallo standard montanaro, ci avviciniamo moltissimo a quelli della bassa reggiana;

con gorgonzola e pere : pasta gialla, una variante che sta diventando un “classico”, ottimi ed azzeccato anche il rapporto degli ingredienti;

di porro e pasta al cioccolato con fonduta di Parmigiano-Reggiano : originali e delicati, una vera piacevole sorpresa.

E per finire  Semifreddo con noci, amaretti e salsa ai frutti di bosco, un dolce al cucchiaio veramente “goloso”.

Terminiamo con un caffè .

Servizio “quasi” impeccabile, la mancanza di un cestino di pane ed il formaggio portato in lieve ritardo rispetto ai tortelli è un inezia che però è stata sottolineata dal proprietario con tante scuse.

In ogni caso, location, professionalità, qualità e varietà dei piatti sono al limite dell’imperdibile.

Imperdibile!!!

permalink a questo commento

[lukeforever]
31/07/2015
Da come è descritto deve essere un posto fantastico, complimenti x la bellissima serata ma il profumo di (guazza) com'è?emoticon
permalink a questo commento

[testapelata]
31/07/2015
il posto è effettivamente molto bello; il profumo di guazza è ironico, nel senso che se fossimo stati fuori avremmo preso rugiada (che alle ossa non fa bene) emoticon