.
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

golosona

ha visitato il locale il 07/01/2012 golosona avatar
571 Recensioni scritte dal 11/08/2008 3639 Punti

Sabato sera torniamo a casa dopo una breve ma piacevolissima vacanza alle terme. Avendo fame, essendo digiuni dal mattino, e trovando casa gelata e frigo vuoto, optiamo per una cenetta fuori. Mauro ha voglia di mangiare pesce ma poco distante da casa, avendo guidato per due ore, per cui scegliamo un ristorante vicino, il Soleria Le coccole che ha da qualche tempo una nuova gestione. C’eravamo stati anni fa con la vecchia gestione, trovandoci molto bene, poi il locale era stato preso in mano da gestori poco capaci e ora da nuove persone che cercano di portarlo agli “antichi splendori”. Si stanno dando da fare e auguro loro buona fortuna!

Avevo provato qui, un mese fa, la pizza da asporto: buona, non troppo sottile, cotta bene e con tanti ingredienti. Ora decidiamo di provare il ristorante e, previa prenotazione, arriviamo alle 20.30 sul posto. Il locale si trova nel piccolo centro commerciale di fianco al Famila, quindi ha un ampio parcheggio sul davanti e, per l’estate, un giardinetto sul retro. In passato era molto più ampio, ora noto che si è rimpicciolito parecchio, avendo ceduto almeno metà area a un negozio.
L’interno, per quanto più piccolo, è comunque spazioso, i tavoli sono abbastanza distanziati, l’arredamento resta grazioso. Permangono i pesanti tendaggi alle pareti, alcuni vetri colorati al soffitto, i colori pastello, l’ampio forno a legna all’ingresso, ma ora non ci sono più i separé in stile liberty né tavoli tondi. Spiccano invece due lampadari enormi, in ferro battuto, in centro alla sala.

Appena arrivati, ci fanno accomodare a un tavolino piccolo, a ridosso della parete, in quanto il centro della sala è occupato da due tavolate. Al nostro tavolo si alterneranno un cameriere, di mezza età, gentile, che ci prende le ordinazioni e ci consiglia il piatto del giorno, che prenderemo, e una cameriera giovanissima ma efficiente, che ci cambierà le posate a ogni portata (non è da tutti in un risto-pizzeria) e che rimpinguerà il cesto del pane spontaneamente, brava.
Sul menù leggiamo le proposte, pizze (anche al metro), piatti di terra e, cosa che ci interessa, di mare. Stavolta prendiamo le stesse cose, stranamente: due linguine alla Positano e due fritture, da bere una bottiglia di acqua frizzante.

L’acqua e il pane arrivano velocemente, i primi dopo il giusto tempo di preparazione. I piatti sono belli, in mezzo c’è la pasta, tendente all’abbondante, condita con tanti pomodorini, qualche cozza e due gamberoni, intorno vi è l’aureola di cozze. Oltre che bello, il piatto risulta buono; una nota di merito va ai gamberoni, grossi, freschi, polposi e tenerissimi, avrei solo gradito ce ne fossero di più.
Dopo la giusta attesa, arriva la frittura su piatti con carta gialla assorbente. Anche questa porzione è tendente all’abbondante, tanto che faticherò a finirla, è composta da pesciolini, calamari (sia testa che anelli) e gamberi, non piccoli e pochi come succede spesso, ma tanti, grossi e “carnosi”. Il tutto croccante, fritto molto bene, poco unto e buonissimo, insomma una frittura completa da 10 e lode al costo di 14 € l’una!
Siamo sazi e soddisfatti, io rinuncio al dolce (strano ma vero!) ma prendo un sorbetto al limone nel tentativo di digerire meglio. Buono e cremoso, non alcolico, si sente l’aspro del limone.

Nel frattempo, è partita la serata musicale, che il gestore mi avvertirà esserci ogni sabato sera. Una coppia canta e successivamente inizierà il karaoke. Non so come sia finita, noi ce ne andiamo prima.
Alla cassa paghiamo 74,5 euro in totale, non scontati e a mio avviso un pochino troppi. In particolare, mi sono sembrati eccessivi i 18 € pagati per un piatto di linguine, oltretutto non essendoci a menù è stata una sorpresa. Altra nota negativa, io ho avuto un po’ freddo, ma forse perché il mio fisico era abituato ad altre temperature, dopo essere stato in ammollo in piscine a 36° per 4 giorni! emoticon ... o anche perché il nostro tavolo era attaccato alla grata dell’impianto di ventilazione, pessima posizione, uffa!
Per queste due note finali, mi fermo a tre cappelli, ma ribadisco che il cibo è buono, da 4 cappelli sicuramente, ci torneremo e lo consiglio sia per la pizza che per il pesce.

Consigliato!