Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

La lavagna - Modenesità

Pasqua - Ferruccio Cambi 10 aprile 1955

GROG
Scritto il 12/04/2009
da GROG



Pasqua 10 aprile 1955

Che bèl desdèr's al Sòl ed ?na matténa,
cún l'anma cièra cièra e innamureda!
Desdèr's in pina lus cun l'aria sréna
e al gran regal ?d la vetta ?d ?na giurnèda,

Sintir's al cor ch'al scoppia e sènza péna,
pruvèr ste gioia, inmènsa e strampalèda,
l'è un quèl ?ch l'innonda al Mánd, e chi s'avséna,
cól Sòl in ti occ, e l'anma già incantèda.

L'è Pasqua, Pasqua, Pasqua sta matténa!
e al cor ringrazia al Sgnor cun tèl cantèda,
ch'la per ?na scampanlèda, in t'l'aria sréna.

Me brèva gént bendim, per stè giurnèda ;
bendim perchè av vój bén, e acsè, in surdéna,
la lus ?d'na laghermena, a v'ho dunèda.


Pasqua.

Che felice risveglio al Sole di un mattino,
con l'anima chiara chiara e innamorata!
Svegliarsi in piena luce con l'aria serena
ed il gran regalo della vita di una giornata;

sentirsi il cuore che scoppia e senza preoccupazioni,
provare questa gioia, immensa e indescrivibile,
è una cosa che inonda il Mondo, e chi si avvicina
col Sole negli occhi e l'anima già incantata.

E' Pasqua, Pasqua, Pasqua questa mattina!
Ed il cuore ringrazia il Signore con un tale inno (di gioia),
che pare un trillo di campanello, nell'aria serena.

Mia brava gente beneditemi, per questa giornata;
beneditemi perchè vi voglio bene e così, in sordina,
vi ho donato, il luccichio di una piccola lacrima.