Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

La lavagna - Modenesità

LA MUTUA _ Luciano Zanasi

GROG
Scritto il 03/03/2009
da GROG
LA MUTUA

Tasî, tasî ! Me am vin un nervós che chi sa! Me a dégh che ?na dàna per bein, quand l'ariva a ?na zerta etê la gh'à dirét d'averegh i sô distureb!
In cà mia, anzi, in cà ed me fiol, quand a dégh un mel, nissun egh cràd. ?Na stmana fa, am sun alveda cun ?na puntura che.
«Mario» a fagh a me fiol, «a gh'ò ?na puntura in dal cór!».
«Mo no, mama, al cor an fa mai mel, fam vàder, in duv'a l'et la puntura, ché?» e al cóccia. «Ahi!».
A i-ò fat un zigh, che quàl ch'al sta d'sovra d'nueter, dàp du minut l'era già per el schèl cherdand ch'a fóssa la sirena degli ot meno zinch, che invece l'era sol set ór!
«Vàdet, mama, l'è un dulor intercostel, màtet a let cun la borsa ed l'aqua chelda, et vedrê ch'al t'pasa!»
“Di caiòun!” Cum'a gh'ò méss la borsa ed l' acqua, un dulor ch'an v'al dégh!
Aì-ò fat ciamer la Silvia, mé cusèina, ch'la m'à mandê a dir per me nóra «Gigh ch'la staga ferma a let, perchè dai sintomi l'è n'infarto e che, s'a cherdàm, a srév al ches ed ciamer un dutor».
Cum'ì àn numiné al dutor a i-ò vlû cambierem la maia ed sàta e la puntura la m'è andeda via, perchè l'era ?na spéla ed sicuràzza ch'la s'era averta e l'am punteva in dal stàmegh! Adesa l'è un poch ed teimp ch'am s'infla el gambi... a l'ò dét cun la Silvia ch'la m'à guardè, pó la fa «Dio, c'sa s'à da dir, anch da zovna et gh'ê avû seimper el gambi intrumbunedi, mo adesa am sàmbra et sii infieda». «Adesa me a fagh prest, an gh'è la Mutua egh pega?!» A sun andeda dal Dutor Cotafèva, che me am piès perchè al dis seimper ch'a gh'ò del bal, e a gh'ò dét: «Sgnor Dutor, a sun gnuda a ferem vàder perchè la Silvia, me cuseina, la m'à dét ch'a gh'ò le nefrite!». «L'as vaga a fer curèr da la Silvia!». A i-ò fat tant, ch'al m'à fat la cherta d'ander a la Mutua, giând: «La tegna l'ureina d'la not e la vaga là a ot ór!». «A vegn me a cumpagnèret - la fa la Silvia - ch'a sun pra-tica!».
Difati, cum'a sam andedi deinter a i-am tolt l'ascensor, acsè a sam arivedi fin al terz pian, duv'i s'àn détt ch'a duviven ander al prém pian, e che a sam duvudi gnir zò a pê perchè l'ascensor l'era seimper ocupè. Meinter a gnam zò, a incun-tràm la Zaira ch'la, gniva só e ch'la fa «Dio, Silvia, t'en mé faréset ménga un piasér?!». «Dém pór Zaira!».
«Dai, tóm al post in fila, per i râz; a vagh a spetèr a scóla me anvó e a tóren subétt» e la Silvia «Perchè et fet i râz?!». «Per via dal stàmegh». «Gh'èt di dulór?». «Propria!». «Alora, sta stranquéla, l'è l'ulcera». La Silvia l'è andeda a tor al post in fila per la Zaira e me a sun andeda al prém pian. Quand è gnû al me turen, a fagh vàder la cherta a l'impieghè. «Lei deve avere un libretto».
«Sal mo che ló l'è un bel braghér?!. Sissignore al libretto ce lò».
«Allora me lo faccia vedere».
«Di caiòun, i me interèsi a ló an gh'ì fagh brisa vàder, al capi?».
«Ma ?sto libretto dove l'ha?».
«A la Banca Popolèr, mo an gh'al fagh brisa vàder !».
«Durmammia lè davanti?» al fa l'umòt ch'al m'era dedrê, e me: «Dato che a ló agh pózza al fié, col sbulfridi ch'al m'à dê a sun adrê ch'am dàsd adèsa...».
E l'impieghè: «Il medico fiduciario chi è?».
«Al guerda, ed fiduciari a n'am avû abasta d'ûn, in famìa, al fiol ed me surèla, quand a cambié l'aria l'ha ciapê tanti bot ch'al va ancàra un po' ed trivéla».
«Mo, al só dutor chi él?».
«Ahn, mo sè, l'è al Dutor Cotafèva, brev e bòun, seinza tan-ti gnòl, e pó am piès perchè al pèrla seimper in dialàtt». «Oh! Al dutor a l'avam caté, adesa truvàm al libràtt!». «Signò» la fa ?na sposa con un ragazol in braza; «famme passà avanti che tengo ?u piccirillo da allattare». «La tira mo fora la piva, acsè al ragazól al tes e in cal mein-ter a tgnàm in tèimp chi amm!».
Acsè l'impieghè al gh'à avû tótt al teimp ed spieghèrem cusa duviva fer per éser in regola, che al spùrtèl a gh'era armesa sol me, perchè chi àm i éren tott'intorna a la sposa ch'la deva al lat e lor i feven i cumplimeint al ragazol. Quand pó a sun turneda col libràtt, a i-ò incuntrê la Silvia ch'la gniva zò per el schel. «Dio!, Silvia an stèt ménga bein?».
«Tes, tes, per an perder al post ed la Zaira, am sun fata fer i râz, mo quàl lè an srév gninta, l'è ch'a m'é tuchê d'ingu-gner anch al bevròun!».
La Silvia l'è andeda a cà e me am sun méssa in fila per l'esam. A preseint la cherta col libràtt, duv'a risulta ch'a sun a carico ed me fiol, ch'lè pó ?na bala, perchè la me pensioun a la dagh tótta in cà, e la sgnurèina l'am fa:
«Allora?!».
«Allora cosa?!».
«Avanti me la dia !».
«Mo cosa?».
«La bottiglia... à tenuto l'urina della notte?». «Eter chè!»
«Me la metta in una bottiglia e me la porti». «La seinta sgnureina, a pert al fat che imbutiglièrla agh vòl d'lôc e am manca anch al dvinel, una butiglia l'an n'è brisa abasta, a ghe vrev ?na fiasca !». «Allora non so cosa dirle, torni domani». «Torni domani?! ... Andèv a fer fótter tótt, vliv ch'a cre-pa?!?».


La mutua

Tacete, tacete! Mi viene un nervoso che mai! Io dico che una donna per bene quando arriva a una certa età ha il diritto di avere i suoi disturbi! In casa mia, anzi, in casa di mio figlio, quando dico un male nessuno ci crede. La settimana scorsa, mi sono alzata con una puntura qui. “Mario -dico a mio figlio- ho una puntura nel cuore”. “Ma no mamma, il cuore non fa mai male, fammi vedere, dove hai la puntura, qui?” e spinge. “Ahi” Ho fatto un urlo che quel¬lo che abita sopra di noi dopo due minuti era già per le scale credendo che fosse la sirena delle otto meno cinque che invece erano solo le sette.
“Vedi mamma, è un dolore intercostale, mettiti a letto con la borsa dell'acqua calda e vedrai che ti passa”. Come ho messo la borsa dell'acqua calda un dolore che non vi dico. Ho fatto chiamare la Silvia, mia cugina, che mi ha mandato a dire per mia nuora “Ditele di stare ferma a letto perché dai sintomi è un infarto e che, se crediamo, sarebbe il caso di chiamare il dottore”. Come hanno nominato il dottore ho voluto cambiarmi la maglia di sotto e la puntura mi è andata via, perché era una spilla di sicurezza che si era aperta e mi puntava sullo stomaco. Adesso é un po' di tempo che mi si gonfiano le gambe... l'ho detto alla Silvia che mi ha guardato e poi ha detto: “Cosa si deve dire!!!! anche da giovane hai avuto sempre le gambe grosse ma adesso mi sembra che siano gonfie”. “Adesso faccio presto... non c'é la Mutua che paga?”.
Sono andata dal dottor Cottafava, che mi piace perché dice sempre che ho delle storie e gli ho detto: “Signor dottore, sono venuta a farmi vedere perché la Silvia, mia cugina, mi ha detto che ho la nefrite”.
“Allora si vada a far curare dalla Silvia!”.
Ho fatto tanto che mi ha fatto la carta per la Mutua dicendo “Tenga l'urina della notte e vada là alle otto”. “Vengo io ad accompagnarti - dice la Silvia - che sono pratica”. Infatti come siamo entrate abbiamo preso l'ascensore cosi siamo arrivati al terzo piano, dove ci hanno detto che dovevamo andare al primo piano, e siamo dovute scendere a piedi perché l'ascensore era sempre occupato. Mentre scendiamo incontriamo la Zaira che veniva sù, e che dice “Silvia non mi faresti micca un piacere?” “Dimmi pure Zaira” “Prendimi il posto in fila per i raggi, vado ad aspettare a scuola mio nipote e torno subito” e la Silvia “perché ti fai i raggi?” “Per lo stomaco” “Hai dei dolori?” “Sì” “Allora sta tranquilla, é l'ulcera!”
La Silvia è andata a prendere il posto in fila per la Zaira e io sono andata al primo piano. Quando è venuto il mio turno faccio vedere la carta all'impiegato. “Lei deve avere un libretto” “Sa che lei è un bel pettegolo!!! Sissignore il libretto ce l'ho”. “Allora me lo faccia vedere” “E no i miei interessi a lei non li faccio vedere, ha capito?” “Ma sto libretto dove l'ha”. “Alla Banca Popolare ma non glielo faccio vedere”.
“Dormiamo lì davanti?” dice un uomo che mi era dietro. E io “Siccome lei ha l'alito pesante, con la soffiata che mi ha dato mi sveglio adesso”. E l'impiegato “Il medico fiduciario chi è?” “Guardi dei fiduciari ne abbiamo avuto abbastanza di uno in fa¬miglia, il figlio di mia sorella, quando è cambiata l'aria ha preso tante botte che gira ancora male”. “Il suo medico chi è?”
“Ah si, Cottafava, bravo e buono, senza tante storie e poi mi piace perché parla sempre in dialetto. “Il dottore l'abbiamo trovato! Adesso troviamo il libretto”. “Signò -dice una sposa con un bimbo in braccio- famme passa avanti che tengo u piccirillo da allattare”. E io “Tiri fuori la piva, così il bimbo tace e nel mentre teniamo occupati gli uomini”.
Cosi l'impiegato ha avuto tutto il tempo di spiegarmi cosa fare per essere in regola; che allo sportello ero rimasta solo io, per¬ché gli uomini erano attorno alla sposa che allattava e loro face¬vano i complimenti al bambino.
Quando poi sono tornata col libretto ho incontrato la Silvia che scendeva le scale. “Silvia non ti senti bene?”
“Taci, taci, per non perdere il posto della Zaira mi sono dovuta fare i raggi, ma quello sarebbe niente, ho dovuto bere anche il beverone!!!”
La Silvia é andata a casa e io mi sono messa in fila per l'esame. Presento la carta col libretto dove risulta che sono a carico di mio figlio, che non é vero perché la mia pensione la dò tutta in casa, la signorina mi dice “Allora?” “Allora cosa?” “Avanti me la dia “ “Ma cosa?” “La bottiglia... ha tenuto l'urina della notte?” “? sicuro!”
“Me la metta in una bottiglia e me la porti”. “Senta signorina a parte il fatto che a imbottigliarla ci vuole
dell'occhio e mi manca anche l'imbuto, una bottiglia non è sufficente, ci vuole un fiasco”.
“Allora non so cosa dirle torni domani”.
“Torni domani??? Andatevi a far fottere... volete che crepi????”.