Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

La lavagna - Modenesità

LA LIQUIDAZIOUN - Luciano Zanasi

GROG
Scritto il 03/03/2009
da GROG
LA LIQUIDAZIOUN

L'etra materna a pas per via Emilia e, lè da la ciésa ed San Bies, a vàd un mócc ed geint.
Sta mo a vàder ch'è sucès ?na desgrazia. Per Diana a gh'è anch el guerdi!
- S'eini fat mel?
- Per adesa gninta, la vedrà quand i véren butega.
Pó a guerd a mod, a vàd un cartel «Crollo dei prezzi. Grande liquidazione».
Mo che liquidazione d'Egét, s'an me sgag ménga, la Filumeina ed piaza l'an me tin gnanch el poti, ch'àm sun tant arcmandeda.
A fagh per ander via, mo caiónni, l'era arivê n'ètra vinteina ed danni ch'el cuceven damand i bófel...
Meno mel ch'iva psu puger la borsa dal pan in zéma a la goba ed ?na dunlèina ch'la m'era davanti. Chelè l'as volta e l'am fa:
- L'am déga, c'sa vàndni? -
- An so ménga, a sun che per ches,... mo lê piotòst s'lê in fila ...?
- L'é n'abitudin ch'a i-ò ciapé durant la guera; cum'a vdiva, ?na fila me a m'egh mitiva dedrê... e pó agh vàd anch poch... l'eter gioren in via Berengari am sun mésa in fila... dap un poch la fila l'à cumincé a móvres... l'era un funerel... Alora am sala dir cusa i vànden?... me agh vàd poch e pó a sun picola... e per zunta a sun sàta al stàmegh ed chelê ch'al sàmbra un balcoun...
Mè am mèt i me ucê e a'tach a lézer: Calze donna, mutande donna, vestaglie donna, reggiseni nailon. -Meno mel - la fa la dunleina - me an n'iva bisegn ed gninta, però am sun desmindgheda al fazulàt a cà e a gh'ò un ferdór da àm grand... me a tir só fin ch'an n'ò cumprê un fazulàt. Pó i àn avért al negozi. Tóti chel dànni el s'ein scatenèdi. Al sembreva un mer in burasca e me un stumpai sbalutê dalle onde. Tòt in un colp am sun truvèda in mez a la via Emilia quesi sàta a un filobus.
Adesa ch'a psiva ander in piaza a duviva recuperer la borsa dal pan.
Quand a l'ò truveda a gh'ò guardê satta, a gh'era ancàra la gubeina.
- La tègna dur - a gh'ò dét - che fra poch l'as pòl supièr al nes!
- Adio Clorénda !...- am volt, l'era ?na mê amiga ed San Lazer.
- Mo c'sa fèt Maria chè in mez?
- Figùret s'am divért cun i me cràss!
- Bein mo perchè et gnuda?
- Mo tès, che in liquidazioun i vànden di mudandèin da dànna in nailon a fior a 300 franch al pera... tóti al dànni dal condominio e gli'àn tiréê la bósca... a m'é tuchê a me... quarantazinch pera.
- E per el misuri cum'a fèt?
- Andrò a ôc... al pió l'è per la Jófa quàla ch'la sta sàta ed me... figuret che a tevla invece ed la scrana agh vol al sofà...
- Dai Clorénda, vinem a der ?na man!
- Va bein - a fagh me, e in cal mèinter a forza ed cucèr i m'iven fat vultèr a l'indrê.
- Mo gh'àni tóti cla misura?
- C'sa gh'importa a lê, braghéra!
Intant la Maria a forza ed girer l'era riveda davanti a la porta, l'am fa:
- Te peìnsa a truvèrm un péra del pió picoli, per cla scher-neccia del prém pian!
Quand Dio l'à vlu, dàp aver brazè la guerdia, cl'éra anch un bel umot, a sun entreda anca me. Un mapèl ch'àn ve dégh... Chi s'pruveva i sattvest in zémma al paltò, óna la pruvèva i scudlot dal reggiseno in testa a un ragazol in braza a ?na sposa... e in un angol... per tèra ?na muntagna ed mudant ed nailon a fior e el danni a razèregh deinter come tant can da trifola.
La vos ed la Maria: - A m'armcmand la misura pió cina! A i-ò tachê a razzèr anca me, a guardeva e a scarteva, a guar-deva e a scarteva... dàp des minut a i-éra in di mudant fin a l'umbréghel... raza, raza, finalmeint la misura pió picola... e cun un poch ed fadiga a sun riuscida a tireri fora dal móc... E pensê che quand a i-ò dèdi a la Maria, la m'à dét ch'a psiva catèren un pèra pió pulî...
Pó a sun turnèda fóra... e a vàd la gubèina ancàra in fila ch'l'as supièva al nès cun un sugaman.
- Mo c'sa fala ancàra chè? I fazulàtt i iven fini!
- Adèsa al nès la s'l'ée supiè, perchè en vala via?
- A vliva me, mo a gh'ò da cumprer un pèra ed mudant ed nàilon a fiór, dato che i mée i mi àn cavèe!...


La liquidazione

L'altra mattina passo per via Emilia, e, vicino alla chiesa di San Biagio, vedo un mucchio di gente. Sta a vedere che é successa una disgrazia! Per Diana ci sono persino le guardie!!!
- Si sono fatti male?
- Per ora niente, vedrà quando aprono il negozio. Poi guardo bene e vedo un cartello “Crollo dei prezzi. Grande liquidazione”.
Ma che liquidazione d'Egitto, se non mi affretto, la Filomena della piazza non mi tiene neanche le pote, che mi sono tanto raccomandata. Sto per andar via, ma corbezzoli, era arrivata una ventina di donne che spingevano come bufale.
Meno male che avevo potuto appoggiare la borsa del pane sopra alla gobba di una donnina che mi era davanti. Questa si volta e mi dice:
- Mi dica cosa vendono?
- Non sò, sono qui per caso… ma lei piuttosto se è infila??
- E' una abitudine che ho preso durante la guerra; come vedevo una fila mi ci mettevo dietro e poi ci vedo anche poco; l'altro giorno in via Berengario mi sono messa in fila... dopo un po' la fila ha cominciato a muoversi, era un funerale... Allora mi sa dire cosa vendono? Io ci vedo poco e poi sono piccola e per giunta sono sotto al seno di questa qui che sembra un balcone.
Io mi metto gli occhiali e comincio a leggere: Calze donna, mutande donna, vestaglie donna, reggiseni nailon.
- Meno male - dice la donnina - Io non avevo bisogno di niente però mi sono scordata il fazzoletto a casa e ho un raffreddore da uomo grande... io tiro su fino a quando non ho comprato un fazzoletto.
Poi hanno aperto il negozio. Tutte quelle donne si sono scatenate. Sembrava un mare in burrasca e io un tappo tra le onde. Tutto in un colpo mi sono trovata in mezzo alla via Emilia quasi sotto al filobus. Adesso che potevo andare in piazza dovevo recuperare la borsa del pane. Quando l'ho trovata ho guardato sotto e c'era ancora la gobbina.
- Tenga duro - le ho detto - che fra poco può soffiarsi il naso!
- Ciao Clorinda!!
Mi volto, era una mia amica di S.Lazzaro.
- Cosa fai Maria qua in mezzo?
- Figurati se mi diverto coi miei calli!
- Ma perché sei venuta?
- Ma taci, qui in liquidazione vendono delle mutandine da donna, in nailon a fiori e 300 lire al paio... tutte le donne del condominio hanno tirato a sorte... è toccata a me... quarantacinque paia.
- E per le misure come fai?
- Andrò a occhio, il difficile sarà per la Giuseppa, quella che abita sotto di me, figurati che a tavola invece della sedia ci vuole il sofà.
- Dai Clorinda, vieni a darmi una mano!
- Va bene -dico- e intanto a forza di spingere mi avevano fatta voltare all'indietro.
- Hanno tutte quella misura ?
- Cosa importa a lei... pettegola!
Intanto Maria a forza di girare era arrivata davanti alla porta e mi dice
-Tu pensa a trovarmi un paio delle più piccole per quella saracca del primo piano.
Quando Dio ha voluto, dopo aver abbracciato la guardia, che era anche un bell'uomo, sono entrata anch'io. Una confusione che non vi dico. Chi si provava le sottoveste sopra i paltò, una provava le coppe del reggiseno sulla testa di un bambino in braccio a una sposa... e in un angolo... per terra... una montagna di mutande di nailon a fiori e le donne a razzolarci dentro come tanti cani da tartufo.
La voce di Maria
- Mi raccomando la misura più piccola!
Ho cominciato a razzolare anch'io, guardavo e scartavo, guardavo e scartavo... dopo dieci minuti ero nelle mutande fino all'ombelico... razzola razzola… finalmente la misura più piccola... e con un po' di fatica sono riuscita a toglierla dal mucchio. Pensate che quando le ho date alla Maria, mi ha detto che potevo trovargliene un paio più pulite. Poi sono tornata fuori e vedo la gobbina ancora in fila che si soffiava il naso con un asciugamano.
- Ma, cosa fa ancora qui?
- I fazzoletti li avevano finiti!
- Adesso il naso se l'è soffiato... perché non va via???
- Volevo io, ma devo comperare un paio di mutande di nailon a fiori perché le mie me le hanno levate.