Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

La lavagna - Modenesità

La Nina - Canzone: testo L.Zanasi, musica C.Notari

GROG
Scritto il 11/02/2009
da GROG
NINA

Quand a-i-era zovna andeva a laver,
l'era fadiga a lavurer;
el man col sadel pini de zlóun,
tireres al col Tè da caióun;
e cunsiglieda da na me zia
am mite e vender la mercanzia

Ritornello:
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.

An me piasiva ster per la streda,
cun na cambreina in dla cuntreda
me a-i-era bela, e tot i zuvnót
i sparamieven i sold dal lot
per po, ogni sira, gniri a purter
in dal me bel selvadener.

Ritornello:
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.

Una giurneda a cgnas Marioun,
l'era na troia, un poc ed boun.
Am cumpagneva a lavurer
e in un cantoun al steva a speter.
E po' na sira, te deg dal scioc
al taié l'angol cun tot i baioc.

Ritornello:
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.

Me c'a spereva, veli che ilusioun,
per i me merit im mitesen in pensioun
i m'an mes, seinza andar per sottile,
ai ceso public, reparto maschile.
Mo me an m'in tog, ang ?dagh gnanc e méint
a sun armesa in dal me ambient.

Ritornello:
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.
Mè a sun la Nina
la bugadera
una dunlera
ed san Pevel e i Trí Ré.



Traduzione per i “foresti”


La Nina

Quand'ero giovane, andavo a lavare,
era fatica lavorare,
le mani con le ragadi, piene di geloni
affaticarsi è da minchioni;
e consigliata da una mia zia,
cominciai a vendere la mia merce.

Ritornello:
Io son la Nina,
la lavandaia
una mondana
di S.Paolo e i Tre Re.
(Io son la Nin... ecc.)

Non mi piaceva stare per strada,
con una camera nella contrada
io ero bella, e tutti i giovanotti
risparmiavano i soldi del lotto
per poi, ogni sera, venire a portarli
nel mio bel salvadanaio.

Ritornello: (Io son la Nin... ecc.)

Una giornata conosco Mario,
era un porco, un poco di buono.
Mi accompagnava a lavorare
e in un angolo stava ad aspettare.
E poi una sera, tu chiamalo sciocco
ha tagliato la corda con tutti i soldi.

Ritornello: (Io son la Nin... ecc.)

Io che speravo, povera illusa,
per i miei meriti mi mettessero in pensione
mi hanno messo, senza andare per il sottile
nei gabinetti pubblici, reparto maschile
Ma io non me la prendo, non ci faccio caso
io sono rimasta nel mio ambiente.

Ritornello: (Io son la Nin... ecc.)