Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

La lavagna - Modenesità

L'ultem fìacarésta - Luciano Zanasi

GROG
Scritto il 09/02/2009
da GROG
L'ULTEM F?ACAR?STA

Av salut! Bein? An me cgnusiv ménga pio? Forse l'è per via ed la cagna. Ghitanein al fiacarésta... Bisègna ch'a fèdi un sforz ed memoria. Davanti al Montanaro, in Cors Dom, treinta ân fa... al caval cun al mus in dla sacheina e a casàta... quàl... ch'al spiguzeva a i-éra me.
Perchè a sun visti acsè?... Saviv che gióren l'è incô? San Cristofèr. A gh'era n'avis atach ai mur «Benedizione dei mezzi all'autodromo». Am sun presente, cun la frosta in man, a l'entreda; i m'àn dmandè: «Lei Signore, il mezzo ...?» «In dla panza» (a l'aviva apeina finì ed ciarir). «Al staga bein a seinter sgnor: mè, la Carioca, al nam ed la caroza, e Lorenzo, al caval, a i-éren una cosa sola. Lorenzo l'è mort de vciaia e i al vindén in dla Basa macelleria ed Vicolo Squallore per puledro da latte; che anzi a m'arcord che Gioii al manischèlch l'andé a tor dó bistàchi che in dal magnèri al spaché la dintera.
Oh, la Carioca invece, dàp la mort ed Lorenzo, a la guasté. Perquindi ed superstit agh sun armès me, e s'al permàt a vagh a fèrem bendir».
La cerimonia: bellissima e pina ed sentimeint. A un zért mumèint i s'ein més tot a suner al clacson, un pulèr ed cl'etèr mànd... me am sun més a fer ciuchèr la frósta, ch'a ìva tolt mégh. Bein vueter an ghe cardrî brisa, ma l'è un la-vor comovèint... un sgnor avsèin a me al pianziva... a i-ò pó imparê dàp ch'a gh'iva de ?na scurièda in dn'uràcia. Davanti a me a gh'era du zuvnòt chi parleven fra d' lór: «Mariolino, non hai più la spàider?».
«No, ho preso un quattro litri Maserati». Et capî! Chi avrév dét che la Maserati l'as fósa mésa a fer anch al vèin? Pó al gh'à tire so al quérc per fèregh vàder al mutor... oh, a i-ò cuntê dàdes candeli... strusiòun... a pensèr che me a feva cun sol dô; óna da ?na pert e óna da cl'etra. Dedrê, la machina la gh'aviva un tub acsè... al sembreva un canòun da stóva... alora a gh'ò dmandê cusa l'era: «Il tubo di scarico dei gas». E pensèr che al pover Lurèinz al feva bein cun meno, veh!.... meinter cl'andeva l'alveva la càva e al feva i sô scarich acsè, seinza importanza. Cum'a giv vò? Perchè a i-ò lasê lè? Mo i tempi, sgnor, i tempi che sono cambiati; chi turrév pio la caroza per ander in staziòun? Nisun !
Per la verité in di ultem teimp al pover Lurèinz an n'era pió quàl d'na volta... eh sè, oltre al soffio al cuore, ch'ai gh'iva da la nasita (a l'iva sàta cura dal dutor Zanèin), l'éra seim-per stê un caval un poch manzèin, in di ultem teimp, cun l'arteriosclerosi, nisun pió gh'andeva a la testa. A i-éra in Cors Dom, davanti al Montanaro, a munteva só un sgnór: «Presto alla stazione». Lurèinz al partiva col sô pastèin e per quant me a tirésa a destra lo l'andeva a sinistra vérs l'usdel, pó zò per Vitorio Veneto, al Parco, Viel Margheréta, al Tempio... fin ch'al riveva in staziòun che al pasegér al feva apeina in teimp a ciaper al treno dàp. Vò a dirî: «Perchè an n'et tolt la pateinta e t'en te més a fer l'autésta ed piaza?». Mo coiózi, e la Gina, cla fèda ed me muiera, in dove la mitiv!?
Perchè? Mo cun al lavor dal tasametro, apeina a cà la m'avrév vudê al bisâch sèinza che me a psésa dir beo;

meinter cun al caval l'iva bein tentê lé ed savér quel, dàp ch'l'iva let «La cavallina storna»... l'alveva bein lê il dito... mo Lurèinz gninta... mai dét gninta. In pió a gh'iva l'entreda ed la fiama... «Ghitanèin, gh'iv un paról ed fiama per i mê ves ed fior?» A m'era més a purter la fiama a domicilio.
Anch lè in di ultem teimp a i-ò duvú desmàter perchè an psiva pió far fronte alle richieste... Lurèinz an n'era pió regolèr d'intestin...
No no, quand a muré Lurèinz, meinter al feva la salida dal Parco, an n'ò pió vlû savér ed caval. E adesa cum'a fagh a viver? Toti el categorî i gh'àn la pen-sioun e l'asisteinza per al malati. A me l'unica asisteinza, quand a sun malê, am la fa la Gina, che quand a stagh a let malê pió ed du dè la taca a dir «E pensèr che tót i tô vec i ein mort d'un colp».
Adèsa vivo di ricordi. Tót i gioren a vagh a fer cumpagnia a un sgnór cundanê a ?na pultrouna ch'ai vól ch'a gh' pèrla ed Modna ed ?na volta. Dato che me a i-era un di pió bé braghér ch'a gh'éra in circolaziòun (che tanti volti im gén ed fer la dmanda per ander in dal dazi) per quanti partidi ch'a sava l'è dés ân ch'a gh' còunt seimper quìli, mo ló as divert l'istàss; l'è un poch tardi, per via dl'arteriosclerosi, propria come al pover Lurèinz.
Am pasa i vistî, un toscan al dè, al past ed mezdè e quelch sul-dàt, al dis ló «per me muiéra», che mè a ghi dagh pó atach al mur, per via che lê la n'à abasta ed la sô pensiòun dla pèlta. Adesa av salut, al sgnor Mario al m'aspèta, an pos ménga fèrel aspetèr... al sgnor Mario l'è la mé Mutua!



Traduzione per i “foresti”


L'ultimo vetturino

Vi saluto! Bene.. non mi conoscete più ? Forse è per la bombetta ? Gaetanino il vetturino.. Bisogna che facciate un sforzo di memoria. Davanti al bar Montanaro in corso Duomo trent'anni fà... il cavallo col muso nella sacchina e a cassetta.. quello che era addormentato ero io.
Perché sono vestito cosi? Sapete che giorno è oggi? San Cristoforo. C'era un avviso sul muro “Benedizione dei mezzi all'Autodromo”. Mi sono presentato, con la frusta in mano e all'entrata mi hanno domandato “Lei signore il mezzo?” “Nella pancia” (l'avevo appena bevuto). “Stia ben a sentire signore, io la Carioca il nome della carrozza e Lorenzo, il cavallo, eravamo una cosa sola. Lorenzo é morto di vecchiaia e lo vendettero alla Bassa macelleria di vicolo Squallore per puledro da latte; anzi mi ricordo che Giulio il maniscalco andò a prendere due bistecche che nel mangiarle gli ruppero la dentiera. La Carioca invece, dopo la morte di Lorenzo, la guastai. Quindi di superstite ci sono solo io e se permette vado a farmi benedire “. La cerimonia bellissima e piena di sentimento. A un certo momento si sono messi tutti a suonare il clacson, una confusione dell'altro mondo.. e io mi so messo a far schioccare la frusta che avevo con me. Bene voi non ci crederete ma è una cosa commovente.. un signore vicino a me piangeva... ho poi capito dopo che gli avevo dato una frustata nell'orecchio. Davanti a me c'erano due giovani che parlavano tra loro: “Mariolino non hai più la spider? No ho preso un quattro litri Maserati”. Avete capito? Chi avrebbe detto che la Maserati si fosse messa a fare anche il vino. Poi ha tirato su il coperchio per fargli vedere il motore. E ho contato dodici candele.. sciuponi.. pensare che io facevo solo con due una da una parte l'altra dall'altra. Dietro la macchina aveva un tubo così... sembrava un tubo da stufa...
allora ho domandato cos'era. “Il tubo di scarico dei gas”. E pensare che il povero Lorenzo faceva ben con meno... mentre andava alzava la coda e faceva i suoi scarichi così senza importanza. Come dite?? Perché ho smesso? I tempi, signori i tempi sono cambiati... chi prenderebbe una carrozza per andare in stazione? Nessuno. Per la verità negli ultimi tempi Lorenzo non era più quello d'una volta. Oltre al soffio al cuore, che aveva dalla nascita (l'aveva in cura il prof. Zannini), è sempre stato un cavallo mancino, e negli ultimi tempi con l'arteriosclerosi, nessuno gli andava più alla testa. Ero in corso Duomo davanti al Montanaro, montava su un signore: “Presto alla Stazione!” Lorenzo partiva col suo passetto e per quanto tirassi a destra lui andava a sinistra verso l'ospedale, poi giù per Vittorio Veneto, il Parco, viale Margherita, il Tempio.. fino che arrivava in stazione che il passeggero faceva appena in tempo a prendere il treno dopo. Voi direte: Perché non hai preso la patente per fare l'autista di piazza? Caro mio la Gina quella sghirbia di mia moglie l'avete considerata? Perché??? Mo col tassametro appena a casa mi avrebbe vuotato le tasche senza che io potessi oppormi, mentre col cavallo aveva tentato lei di sapere dopo che aveva letto “La cavallina storna” aveva ben alzato il dito.. ma Lorenzo niente ... mai detto niente. In più avevo l'entrata del concime... “Gaetanino avete un secchio di concime per i miei vasi di fiori?” E io lo portavo a domicilio. Anche lì negli ultimi tempi ho dovuto smettere. Lorenzo non era più regolare d'intestino; No, no... quando morì Lorenzo, mentre faceva la salita del Parco, non ho più voluto sapere di cavalli. E adesso come faccio a vivere? Tutte le categorie hanno la pensione e l'assistenza per le malattie. A mé l'unica assistenza quando sono ammalato me la fa la Gina, che quando stò a letto più di due giorni dice: “E pensare che tutti i tuoi vecchi sono morti per un colpo”.
Adesso vivo di ricordi. Tutti giorni vado a far compagnia a un signore condannato alla poltrona che vuole che gli parli della vecchia Modena. Dato che ero il più pettegolo che c'era in circolazione (che tante volte mi dissero di fare la domanda per andare nel dazio) per quante storie che conosco gli racconto sempre quelle e lui si diverte, è un po' via di testa per l'arteriosclerosi, proprio come il povero Lorenzo. Mi passa i vestiti, un toscano al giorno; il pasto di mezzogiorno e qualche soldo che lui dice “per mia moglie” che io non le faccio neanche vedere perché ne ha a sufficienza della pensione della Manifattura tabacchi. Adesso vi saluto.. il signor Mario mi aspetta, non posso farlo aspettare... il signor Mario è la mia Mutua!!.
permalink a questo commento

[pappapappa]
09/02/2009
Io da "foresta" ho letto la traduzione, forse perde qualcosa, ma mi è piaciuta molto lo stesso!
Grazie Grog, vieni il 22 al pranzo dei "montanari"?
permalink a questo commento

[GROG]
09/02/2009
Non credo, alla domenica sono a disposizione di mia moglie, in questo periodo lavoro 14 ore al giorno e non la vedo mai
permalink a questo commento

[Frittella]
10/02/2009
Zanasi è sempre molto carino da leggere!
Bravo GROG!
Mi consigli un testo suo che vado a cercarlo alla tarantola, hanno una sezione di libri modenesi interessante.
permalink a questo commento

[GROG]
10/02/2009
Non saprei dirti, zanasi lo conosco personalmente (ac-dam dal tu). questi scritti li ho presi dal suo dvd "Modna per mé" che mi ha regalato l'anno scorso quando andavo a casa sua a fargli la riabilitazione. Il martedì era la giornata dei braghirismi, io, lui e Beppe (Zagaglia, anche lui mio vecchio e caro paziente). Puoi provare a chiedere a Paolo di musica film se ti può reperire il dvd, sennò mi dici un "qualo" e ne parliamo. Magari nei prossimi giorni gli telefono e gli chiedo cosa ha pubblicato....