Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il GustanetworkAccedi col tuo account Facebook

La lavagna - In vacanza

Diario di un viaggio: Budapest low cost

elektra67
Scritto il 11/09/2014
da elektra67
Il viaggio è sempre un'esperienza costruttiva, ti apre la mente e ti fa scoprire nuovi sapori e altri punti di vista, ma ovviamente costa. Se perciò avete un budget ridotto come il nostro, ma avete le ferie per ferragosto quando tutto costa il quadruplo, potete scegliere di trascorrere qualche giorno nella splendida Budapest.

Su Booking prenoto con molto anticipo, ma con la possibilità di cancellazione gratuita, un mini appartamento con tre posti letto nel cuore di Pest - ( Jackquaters -1075 Budapest, Károly körút 1). L'appartamento ha una posizione fantastica, servito da tutti i mezzi pubblici, posizionato in un quartiere pieno di locali, bar e supermercati. Si trova al quarto piano con ascensore di un antico palazzo. I primi due giorni c'è stato molto caldo (sembrava di essere in Egitto non in un paese dell'Europa centrale), perciò ci siamo fatti dare dal proprietario un ventilatore, poi per fortuna il clima ha subito una drastica modifica con un calo delle temperatura di almeno 10/15 gradi. La soluzione dell'appartamento ti dà la possibilità di prepararti la colazione e quindi la spesa è come quella che faresti a casa. Io mi sono portata la caffettiera e tutto il necessario per la colazione ( caffè, latte, biscotti, ecc...). Costo appartamento tre posti letto per cinque notti 245,00 euro.

Viaggio: essendo in tre scegliamo la soluzione in macchina, l'aereo ci sarebbe costato molto più dell'appartamento. E' vero il percorso è lungo ( quasi 900 Km.), ma piacevole. Le autostrade della Slovenia e dell'Ungheria sono per lo più ampie e scorrevoli. Nonostante fosse la settimana di ferragosto non abbiamo trovato traffico nè all'andata nè al ritorno. Si deve arrivare a Trieste passare la frontiera a Fernetti acquistando la vignette slovena per 15 euro. Prima di entrare in Ungheria a Pince acquistare la vignette elettronica ungherese per circa 11 euro. Costo viaggio con macchina diesel circa 200,00 euro ( sia la benzina che il diesel in Slovenia e Ungheria costano meno).
Arrivati a destinazione parcheggiamo nel parcheggio di fianco al palazzo dell'appartamento spendendo 50,00 euro per 5 giorni.
La moneta è il Fiorino Ungherese, conviene prelevare direttamente al bancomat senza passare per gli uffici di cambio. 1,00 euro circa 300 fiorini.

Budapest offre tantissime soluzioni per mangiare. A pranzo potete cavarvela spendendo anche 4/5 euro a testa, a cena potete saziarvi con piatti unici e grandi boccali di birra anche per 10/13 euro a testa (13 se siete molto mangioni...).

Per il pranzo consiglio almeno una volta il mercato coperto (al piano superiore ci sono numerosi stand gastronomici dove potete gustare le specialità ungheresi come ad esempio i Langos (http://www.gustapedia.it/langos/) e sedervi nei tavolini che mettono a disposizione. E' meglio però andarci prima delle 13.30 perchè poi c'è molta ressa. Il mercato coperto è davvero bellissimo, con banchi di frutta e verdura coloratissimi e l'immancabile Paprika. Anche i banchi di carne sono impressionanti, qui l'oca e l' anatra sono le protagoniste oltre ai vari salami, salsicce...
Ma il posto che ci ha sorpreso di più è stato Leves (http://www.gustamodena.it/locali/leves_12086.html). Prima di partire casualmente abbiamo visto un documentario sul bellissimo mercato coperto di Budapest dove si parlava di questo giovane ragazzo ungherese che aveva aperto una zupperia d'asporto nei pressi del mercato dove andava a scegliere ogni giorno gli ingredienti. Il locale è molto piccolo con tre tavoli alti all'esterno per gustare le zuppe in piedi. Ma molti le prendono da asporto servite in grandi bicchieri tipo quelli di Starbucks. Gestito da giovani ragazzi gentili, simpatici e carini, Leves propone ogni giorno 4 tipi di zuppe diverse, ma anche buonissimi panini. Essendo io amante della verdura, ho praticamente costretto mio marito e mia figlia, che notoriamente evitano la verdura, ad assaggiare queste zuppe. Il risultato è stato che ci siamo tornati altre due volte e loro sono più entusiasti di me per questa piacevole scoperta. Il locale è frequentato per lo più da giovani universitari e probabilmente da chi lavora negli uffici e negozi lì vicino. I prezzi sono davvero bassissimi considerando che il pasto è molto sano e nutriente. Nelle zuppe oltre alle verdure ci sono pezzettini di care di pollo o di manzo. Potete aggiungere formaggio, crostini o tacos. Per un pranzo veloce è l'ideale perchè sazia, ma vi permette di affrontare il pomeriggio senza addormentarvi.
Se volete invece sedervi anche a pranzo consiglio Ferencz Joszef Etterem (http://www.gustamodena.it/locali/ferenc_jozsef_12108.html) nei pressi dell'Opera. Da provare il pollo alla paprika.

Per bere qualcosa al fresco consiglio Csendes Tars in Magyar u. 18 (http://www.gustamodena.it/locali/csendes_tars_12106.html) con tavolini all'aperto all'angolo di un piccolo parchetto. Davvero molto rilassante.

Per la cena consiglio Ruben (http://www.gustamodena.it/locali/ruben_12105.html) o Bor La Bor (http://www.gustamodena.it/locali/bor_labor_12107.html), ristoranti molto belli con servizio curatissimo dove però spenderete come andare a mangiare una pizza a Modena, anzi meno! Altro locale molto caratteristico con porzioni enormi ( potete prenderne anche una in due) è For sale Pub (http://www.gustamodena.it/locali/for_sale_pub_12110.html). Da provare l'enorme zuppa di gulash. Il locale si caratterizza per tutti i post-it e i biglietti attaccati alle pareti lasciati dai clienti. Anche mia figlia ha lasciato un disegnoemoticon.

Trasporti: sono eccezionali! La rete di metro, bus, tram e treni suburbani è perfetta. Si possono fare abbonamenti per 24, 48, 72 ore. Con questo abbonamento potete girare su tutti i mezzi della BKK http://www.bkk.hu/en/main-page/news/ che comprendono anche i traghetti pubblici per una mini crociera sul Danubio fino alla punta estrema dell'isola Margherita evitando così di spendere altri soldi nelle crociere proposte dai numerosissimi battelli privati.

Consigliati: prendere il battello pubblico in Petofi ter ( orari: http://www.bkk.hu/en/timetables/#_ ) scendere ad Harpad Hid (punta estrema dell'isola Margherita) prendere l'autobus n. 26 che attraversa l'isola Margherita. Potete fermarvi sull'isola, mangiare un gelato, andare in piscina se siete attrezzati, riposarvi davanti alla fontana danzante che ogni ora propone musica (d'estate i più belli sono quello delle 18.00 e quello delle 21.00).
Usciti dall'isola potete fermarvi sul ponte Margherita che secondo me offre la vista più bella di Budapest. Da lì si vede sia il Parlamento sulla riva di Pest, sia la Chiesa di Mattia con il bastione dei Pescatori, il Palazzo reale, la Cittadella con la Statua della Libertà che innalza una fronda di Palma, sulla riva di Buda. Andateci anche di sera quando sono tutti illuminati, bellissimo!
Prendete poi il tram n. 2 che costeggia tutta la riva di Pest passando per il Parlamento, il Ponte delle catene e il mercato coperto.
Per salire sulla Cittadella prendere il tram n. 27 da Moricz, fermata Cittadella. Da lì bisogna poi camminare ancora un pò, ma ne vale la pena per la vista su tutta la città. l'area è attrezzata con chioschi e bagni pubblici per una breve sosta.

Da vedere ancora sulla riva di Pest la Sinagoga, l'Opera e la Basilica di Santo Stefano, davvero sorprendente per dimensioni e decorazioni (bellissimo l'organo). Sulla riva di Buda, invece, il Bastione dei pescatori, la Chiesa di Mattia, il Palazzo Reale, la Cittadella. Budapest si scopre soprattutto girando a piedi. Sulla riva di Pest potete percorrere l'elegante Vaci Utca, la più variegata Kiraly Utca, l'imponente Andrassy Utca fino alla Piazza degli Eroi che però è meglio raggiungere prendendo la metro n. 1 ( la millenaria) perchè Andrassy Utca è lunghissima. Di fianco alla Piazza degli erori c'è l'enorme parco Varosliget con il lago dove d'inverno si può pattinare. Lì ci sono anche le terme di Szechenyi.
Tra Kiraly Utca e Andrassy Utca ad un certo punto incontrerete anche la bella piazza Liszt Ferenc Tér dove potrete ammirare l'Accademia della musica dedicata al compositore Liszt.
Numerose sono le chiese e le piazzette e gli eleganti Cafè che si incontrano passeggiando per il centro di Pest.

La visita al Parlamento è d'obbligo. Potete prenotarla dall'Italia da qui http://www.jegymester.hu/eng/Production/480000/Parliament-visit , eviterete eventuali code e potrete scegliere il giorno e l'ora. Ci sono orari prestabiliti per le visite con guida in Italiano. Il Parlamento è una costruzione davvero imponente ( è il terzo parlamento pià grande del mondo). Il percorso con le spiegazioni della guida è davvero interessante anche per conoscere la cultura ungherese. Come al solito i paragoni con l'Italia sono spontanei e ci si rende conto di quanto noi siamo meno patriottici di tutti gli altri stati europei!

Prima della partenza facciamo un ultimo passaggio da Leves per farci preparare dei panini buonissimi per il viaggio. Con i fiorini rimasti, oltre a gasolio, facciamo un'enorme spesa allo Spar (per quei prodotti a Modena avrei speso il doppio).

Pensierino di fine vacanza: l'ungherese è una lingua davvero complicata, le parole hanno poche vocali! Gli ungheresi sono persone riservate, ma disponibili e cordiali, cioè come piacciono a me:). Tantissimi giovani che conoscono bene l'inglese e decisamente intraprendenti. Tanti locali, negozi curiosi e particolari. I trasporti sono davvero impressionanti, nonostante siano più vecchi di quelli di Berlino (ad esempio) hanno la stessa efficienza. La città di sera dà il meglio di sè con tutti i suoi ponti e monumenti illuminati crea un'atmosfera unica.

E' bello andare, è bello tornare per raccontare. L'andata è sempre più faticosa, la permanenza breve e il ritorno è sempre più veloce. Al prossimo viaggio.
permalink a questo commento

[gi]
11/09/2014
Budapest bellissima, e si mangia benissimo !emoticon
permalink a questo commento

[tranzollo]
11/09/2014
E si beve anche benissimo. Rammento un nero notevole, l'Egri Bikaver, che significa Sangue di Toro, un blend di uve comprendente Cabernet Franc e Merlot e altri vitigni locali : ottimo con le carni, me lo ricordo ancora dopo trent'anni...
permalink a questo commento

[tata]
12/09/2014
Bello.. racconto bellissimo...ho ripercorso il mio viaggio a Budapest..grazie..mi è venuta un po' di nostalgia... e voglia di una fughetta..emoticonemoticon
permalink a questo commento

[elektra67]
13/09/2014
Ciao Tranzollo, noi abbiamo bevuto più che altro Soproni:), solo una volta abbiamo assaggiato il vino che effettivamente era molto buono, ma devo ammetterlo siamo forse troppo legati al nostro mite Lambrusco...la prossima volta oseremo di più:)

Ciao Tata, mi fa piacere che il mio racconto possa servire non solo a chi non c'è ancora stato, ma anche a chi c'è stato tanto tempo fa...e allora vai con la fughetta:)