Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il GustanetworkAccedi col tuo account Facebook

La lavagna - Modenesità

Nadel - Ferruccio Cambi 7 maggio 1948

GROG
Scritto il 28/12/2009
da GROG
Nadel

S'a péns ai bee Nadee, passèe in famia,
ch'im passen via, insam con gl'ilusîon,
am tróv cói laghermôn, fra çìa e çia,
ch'a pèr ch'im scáppen via, per bendiziôn.

Al zôch in t'un cantôn, dèva allegrìa,
in tèvla, 'gh'era tótt l'esposiziôn,
coi vén, liquór e i dólz, in distintrìa,
fra chi candler 'd cà mia, ch'eren d'uton.

Quand gnîva Lò (al Papà), tótt as sidîva,
e a-n'n s' gìva gnînt, tánt l'era l'emoziôn,
pò ... zò turtlèn, zampon, fintánt ch'a-n'n s' psîva,

tgnîr srèe chel brègh, chi sbadacìev'n i ptôn!
E chè... al Papà, as guardèva, e as cumpiasîva,
pensánd che, s'al murîva, a srén stèe bôn.



Natale.

Se penso ai bei Natali, trascorsi in famiglia,
che mi volano via, assieme alle illusioni,
mi trovo con i lacrimoni, tra ciglia e ciglia,
che sembra mi sfuggano via, per benedizione.

Il tronco in un angolo, dava allegria,
in tavola, era tutto in esposizione,
con i vini, liquori ed i dolci, ben disposti,
tra quei candelieri di casa mia, che erano d'ottone.

Quando arrivava Lui (il Papà), tutti sedevamo,
e non si parlava, tanta era l'emozione,
poi ... giù tortellini, zamponi, fintanto che non si poteva,

più tenere allacciati quei calzoni,
E qui... il Papà ci guardava, e si compiaceva
pensando che, se moriva, saremmo stati buoni.